loader image

I 3 segnali d’allarme che ti fanno capire che non puoi più rimandare il cambio di fornitore di energia

I fornitori di energia non sono tutti uguali

I fornitori di energia e gas sono tutti uguali, tanto la qualità di gas ed elettricità non cambia. Quindi perché dovrei valutare un cambio di fornitore di energia?

Tanti clienti fanno questa osservazione, magari perché non sono degli esperti del settore, hanno provato un cambio fornitore in passato avendo qualche difficoltà in fattura o non hanno mai avuto consulenti davvero preparati in grado di consigliar loro.

Arriva poi un momento in cui questi clienti si ricredono, maledicendo il proprio fornitore energetico: il giorno in cui arriva una bolletta con dei costi esagerati, errori di fatturazione o una fattura con un incremento eccessivo rispetto alla media solita.
[divider height=”30″]

I soliti errori di fatturazione

Secondo i dati delle associazioni dei consumatori, il 46% dei reclami che gli utenti fanno sulle bollette energetiche, è legato a degli errori di fatturazione.

Ma è davvero necessario arrivare a questo punto prima di capire che è possibile scegliere un fornitore di energia affidabile, e che non sono tutti uguali?

Quando arrivi al momento della contestazione della bolletta, devi mettere in preventivo ore perse a consultare avvocati ( sicuramente preparati nella loro materia ma non in quella energetica), file in posta per mandare raccomandate ( probabilmente mai prese in considerazione da queste società), e comunque situazioni poco piacevoli da gestire: non solo, molti clienti un po’ “all’italiana” decidono di non pagare la fattura e si ritrovano nell’arco di pochi giorni prima con un depotenziamento e poi con un distacco con relativa assenza di energia, danni per l’attività commerciale e costi successivi per un riallaccio.

Di certo come imprenditore, con un’azienda da mandare avanti, non hai bisogno di perdere tempo e denaro nella gestione di disservizi creati da altre aziende, né tantomeno puoi permetterti per la paura di cambiare di resta in una situazione che tu sai non essere la migliore ma continui a mantenerla per timore di “ lasciare il vecchio per il nuovo”.

Ma come fare a capire a quale fornitore di energia affidarmi?
[divider height=”30″]

I 3 segnali di allarme

Innanzitutto ci sono 3 fattori che ti permettono di capire se è arrivata davvero l’ora di cambiare il tuo fornitore di energia:

  1. Il prezzo indicizzato. Dipende dall’offerta che hai scelto, e puoi verificarlo in bolletta. Se il prezzo dell’energia che utilizzi è indicizzato, vuol dire che nel corso del tempo può cambiare, e come puoi ben immaginare, molte volte c’è il rischio che aumenti anziché diminuire e che tu non possa “ gestire” una situazione che dipende dalla borsa e dal petrolio.
  2. I consumi stimati. Qual è la bolletta più cara che hai pagato per colpa dei consumi stimati? Avere delle bollette in linea con i propri consumi, sapendo come evitare di anticipare soldi inutilmente, è un tuo diritto. Per vederlo tutelato, il primo passo è quello di effettuare regolarmente l’autolettura del contatore e comunicarla comodamente al tuo operatore: non basta, devi accertarti che loro rispettino in fattura i consumi che tu hai comunicato.
  3. Il servizio clienti. Nel momento in cui hai bisogno di un aiuto, avere un servizio clienti in grado di darti risposte chiare e complete in tempi rapidi, fa davvero la differenza. Come ti trovi con il tuo servizio clienti? Ricevi risposte rapide e chiare? O ti dirottano su un call center esterno magari in un paese dell’est europa o del nord africa con operatori stranieri che stanno solamente aspettando la fine del loro turno e quindi danno risposte superficiali?

Quindi una lettura attenta della tua bolletta ti permette di capire esattamente quali sono le caratteristiche e i costi dell’offerta che hai scelto.
Altri aspetti, come quello della qualità del servizio clienti, spesso li scopri solo nel momento del bisogno.

Ci sono poi degli obblighi che tutti i fornitori devono rispettare, dalla lettura dei contatori alla regolarità nell’invio delle bollette, e come in tutti i casi in cui ci sono dei parametri da rispettare, troveremo una classifica dei “buoni” e dei “cattivi”.
[divider height=”30″]

Come scegliere il fornitore di energia migliore?

Per poter scegliere quindi un fornitore di energia affidabile, e che ti faccia risparmiare tempo e denaro nella gestione delle tue utenze, il primo passo da fare è quello di affidarsi a dei consulenti che abbiano:

  • un’ azienda solida alle spalle, pienamente responsabile verso i suoi clienti e che non può sparire nel nulla da un giorno all’altro;
  • delle referenze documentabili lasciate dai clienti;
  • una preparazione solida: solo così possono aiutarti a trovare la soluzione migliore per la tua azienda.

[divider height=”20″]
In Sundera Consulenze curo personalmente la formazione e la crescita delle risorse umane, e la soddisfazione dei nostri clienti è garantita anche dalle numerose testimonianze, pubblicate sul blog e sulle nostre pagine social.
[blockquote]
Sundera mi concede ogni settimana 60 ore di consulenza telefonica gratuita e una visita ogni 3 mesi della mia consulente

Cinzia Marchitelli – Agriquality, Ginosa Marina[/blockquote]

[blockquote]
Ho scelto per la mia azienda i servizi di Energia Elettrica & Gas Naturale con +Energia ed Elettragas forniti da Sundera… non solo risparmio, ma maggiori servizi, qualità ed efficienza

Francesca Selva – Centro Danza Classica, Siena[/blockquote]

[blockquote]
Ho una consulenza costante e trasparente sulle utenze per potermi dedicare meglio al mio lavoro

Antonio Frisina – Frisina Ristorazione, Bari[/blockquote]

[divider height=”40″]
Per Sundera, come partner per la fornitura di energia, ho scelto dal 2008, +Energia Elettrica S.p.a.

Più Energia SPA è un’azienda 100% italiana, con sede centrale in Umbria e sedi commerciali in tutta Italia e fornisce 3 garanzie reali davvero importanti ai suoi clienti:

  1. il prezzo dell’energia: è certo, non è indicizzato, e puoi scegliere la promozione più adatta alle tue abitudini di consumo. Una vera personalizzazione per il cliente
  2. un controllo dei consumi semplice e chiaro, grazie al quale potrai avere bollette certe, evitando le brutte sorprese di consumi stimati decisamente costosi
  3. un servizio clienti interno: dimentica call center stranieri, oppure un’assistenza clienti affidata ad aziende esterne. Avere un call center interno (fatto da dipendenti e non terzisti) vuol dire avere il massimo controllo sulla gestione del rapporto con ogni singolo cliente, e la possibilità di curare attentamente la formazione del personale e il miglioramento costante del servizio

[divider height=”20″]
C’è poi da dire che Più Energia è un’azienda molto solida, attenta alla gestione economica delle sue attività, e questo è certificato dagli studi di settore Plimsoll, un punto di riferimento per capire se ci si può davvero fidare di un’azienda.

Essere un’azienda solida vuol dire che ha alle spalle dei manager seri, che applicano delle politiche interne e commerciali etiche e trasparenti, e che di conseguenza il mercato la sta premiando.

Proprio perché sono davvero sicuro che anche tu puoi migliorare la gestione della tua fornitura di energia, compilando il form qui sotto hai la possibilità di avere un controllo gratuito della tua bolletta. Con questo controllo scoprirai:

  • Se anche tu sei “vittima” dei prezzi indicizzati
  • Se stai subendo addebiti costosi legati ai consumi stimati
  • Qual è il modo migliore per risparmiare sulla tua bolletta elettrica

[divider height=”25″]
Ho riservato per te un ulteriore bonus: 10€ di sconto sulla tua prima bolletta Più Energia.
[divider height=”30″]

Andrea Dettole

[divider height=”25″]
[custom-skins-contact-form-7 id=”2470″]

Pin It on Pinterest